;

Clicca sul tasto qua sopra per conoscerci meglio!

sabato 19 gennaio 2019

Quello che il Tapiro non dice...

Come corollario alla mia lettera inviata a Luca Abete circa il servizio sulla "setta" dei guaritori (che potrete leggere QUI), propongo  il video completo dell'incontro di Alessandro Maggi con Luca Abete di Striscia la Notizia, postato sul suo profilo Facebook di Alessandro, a beneficio soprattutto di chi non è un "affezionato" di questa piattaforma social.

Alessandro, tra l'altro, mi ha inviato in privato anche un altro video dove Abete, dopo aver ricevuto la preghiera per il suo (vero o supposto) mal di schiena, afferma che effettivamente la sua schiena va un po' meglio... salvo poi, a telecamere accese, dire che il dolore era rimasto. Non lo pubblico, ovviamente, per rispetto ad Alessandro: sarà caso mai lui a decidere se e quando pubblicarlo.

Se avrete la pazieza di vedere tutto il video, potrete realizzare come Abete non avesse alcuna voglia di capire ciò che Alessandro stesse facendo, e come più volte tenti di fagli dire che la preghiera può sostituire la medicina (parla più volte di "tumore" per fargli dire che la chemio non si deve fare, senza riuscirci), o di fargli ammettere che siano le sue mani a guarire. 

Alessandro, lodevolmente, ha mantenuto la calma e non è mai caduto nei tranelli di Abete, dando sempre merito a Gesù delle guarigioni, sottolineando che la vera guarigione non è quella del fisico (che puo' o non può accadere), ma quella dell'anima.

La chiosa del servizio (che non è andata in onda, cambiata  in fase di montaggio con altra per la puntata di Striscia), fa capire quali fossero i veri intenti di Abete: infatti, termina così:

"Noi rimaniamo un po' scettici, ma nel frattempo vi terremo aggiornati e magari torneremo a parlare ancora una volta di questa SETTA. Per il momento è tutto, da Striscia la Notizia, Luca Abete."

Chiaro, no?

Buon divertimento.



Desidero nell'AMORE di CRISTO davanti all'Italia alla luce del sole, portare il messaggio del Vangelo e della Salvezza di GESÙ CRISTO
Pubblicato da Alessandro Maggi su Venerdì 18 gennaio 2019

Due pesi e due misure: lettera aperta a Luca Abete

Qualche giorno fa Striscia la Notizia ha mandato in onda due servizi, a firma Luca Abete, dove veniva "preso di petto" una persona, facente parte di un movimento evangelico denominato "Ministero Itinerante di Discepolato". Il "difetto", secondo Abete, di questa persona, è quello di organizzare visite presso abitazioni e pregare per la guarigione fisica delle persone.

Come di consueto, Striscia si è introdotto in una di queste sedute ed ha filmato di nascosto Alessandro Masi, una delle persone facenti parte di questo gruppo, mentre da la sua testimonianza di come sia stato chiamato dal Signore a pregare per le persone e sulle persone per la guarigione. Alessandro ha indicato la sua carta di credito e l'IBAN per le donazioni.

Da qui a dipingere questa persona come un "ciarlatano", e il suo movimento come una "setta", è stato tutt'uno.

Personalmente non conosco né questo movimento ne la persona che è stata "colta in fallo" da Abete, e pertanto non posso esprimere giudizi in merito alla validità o meno di ciò che viene mostrato nel servizio.

Ma ciò che mi ha stupito e stizzito, era la maniera con cui  Abete ha trattato un credente che stava facendo quello che Gesù ha chiesto di fare a ciascuno dei suoi discepoli: "Poi, chiamati a sé i suoi dodici discepoli, diede loro il potere di scacciare gli spiriti immondi e di guarire qualunque malattia e qualunque infermità." (Matteo 10:1)

In sostanza, Alessandro non avrebbe dovuto fare quello che faceva secondo Abete, che si è spinto anche a criticare il fatto che queste cose avvenivano anche dinanzi  a bambini (ma sssi! Cancelliamo la riga dove Gesù dice "Lasciate che i bambini vengano a me" dalle nostre bibbie, và!).

Il servizio mi è apparso così stonato, così tendenzioso, così costruito per screditare non solo Alessandro, ma con se tutto quel cristianesimo che non si rivolge alle statue per ottenere guarigione ma a Cristo, che, come ho già fatto altre volte, con l'Espresso, con le Iene, mi sono sentito di pubblicare sulla pagina di Abete questa nota.

---
"Caro Luca Abete, inizio questa mia lettera aperta col dirti che  apprezzo molto il tuo impegno sociale e il coraggio che metti nell'affrontare spesso situazioni pericolose per la tua stessa vita e nello smascherare coloro che si approfittano degli altri per puro vantaggio economico, ma...


 Ma permettimi di dirti che, i tuoi servizi di #StrisciaLaNotizia di qualche giorno fa circa il “sedicente guaritore” attraverso la sola preghiera, mi hanno stupito più di altri... e non in senso positivo.

 Mi presento: mi chiamo Marco e sono un pastore evangelico battista; e quel titolo “evangelico” mi accumuna, in qualche modo, con la persona che tu dici di aver smascherato come profittatore e truffatore; perché entrambi siamo cristiani, e perché entrambi non siamo cattolici.

 Non so se hai confezionato il servizio attraverso tue ricerche oppure se qualcuno te lo abbia segnalato:  supponi ora di ricevere domani una segnalazione di questo tipo:

Volevo segnalarti un altro caso eclatante di raggiro, dove si promettono guarigioni a fronte di preghiere e di elargizioni. E purtroppo ci sono migliaia di persone che sono divenute adepti di questo tizio.

Di solito gli adepti si riuniscono a Napoli un posto vicino ai Quattro Palazzi, là dove c'è il cantiere della metropolitana; sulla destra, venendo da Corso Umberto, c'è via Duomo.  Più o meno all'altezza del civico 144 troverai un grande slargo, ed un palazzo con tre grandi porte;  entra e tieniti sulla destra. Troverai un ambiente circolare, con al fondo una statua  E' lì che si incontrano: il posto lo riconoscerai senza problemi; sulla parete in fondo c'è una statua nera di un tipo con una veste lunga ed uno strano cappello, e sulla sinistra addirittura l'immagine in oro, argento e pietre preziose che rappresenta il “guru” di questa setta. Pensa che, per incentivare la credenza popolare,  in una cassaforte hanno anche messo due ampolle con una sostanza che, se la agiti, diventa liquida!
 
E questo tipo (non lui, che ormai è morto, ma i suoi compari), va dicendo che, se preghi a lui, lui ti guarisce! Questa è una delle preghiere che gli adepti ti danno per evocare il suo spirito e provocare la guarigione: senti un po' qua: 


  • “O martire invitto e mio potente avvocato san Gennaro, io umile vostro servo mi prostro innanzi a voi, e ringrazio la Santissima Trinità della gloria che vi ha elargita nel Cielo, e della potenza che vi comunica sulla terra a pro di quelli che a Voi ricorrono. Mi compiaccio soprattutto per quel miracolo strepitoso che dopo tanti secoli si rinnova nel vostro sangue, già versato per amore di Gesù, e per tale singolare privilegio vi prego si soccorrermi in ogni mia bisogna e specialmente nelle tribolazioni che adesso mi straziano il cuore. Così sia." (1)
C'è una saletta dietro questo posto dove addirittura fanno sfoggio di molte cose che le persone circonvenute dal tipo e dalla setta gli hanno offerto negli anni; e parliamo di gioielli, oro, diamanti... per non parlare delle elargizioni in danaro donate nelle mani dei suoi compari!

E pensa che la setta è così ben radicata sul territorio, che addirittura sono arrivati ad infiltrarsi nelle istituzioni e a far mettere una riga sulle dichiarazioni dei redditi di tutti gli italiani che, se mai dovessero per sbaglio metterci una firma, poi gli prelevano dei soldi!

E c'è di più! Sono così potenti da aver messo dei loro seguaci all'interno di ogni scuola così che, ogni settimana, i bambini vengono indottrinati con le loro assurde tesi che se se tu preghi poi c'è qualcuno che interviene a tuo favore!”

  (1)  tratto dalla Liturgia propria della Diocesi di Napoli”

Cosa faresti? Ci passeresti sopra? E su quali basi? Sulla base del fatto che il “tizio” si chiama San Gennaro, fa parte della potente chiesa cattolica, è parte della tradizione... o cosa altro? Oppure te la sentiresti di “andare contro”? Di analizzare nei cinque minuti del servizio ciò che realmente accade?

E poi, è più credibile una persona che dice di guarire pregando in nome di Cristo, oppure pregare dinanzi alla statua di San Gennaro attendendo il miracolo? E’ più credibile andare nelle case a pregare assieme alle famiglie, oppure agitare una ampolla dinanzi alle folle aspettando che la polvere diventi liquido? E’ più dignitoso (e fa meno setta) chiedere un sostegno per pagare la benzina dell’auto  in un video, o ricevere le donazioni alla statua del santo?

 Vedi Luca, non ce l'ho con te: sei un bravissimo cronista, coraggioso, altruista. Ma, come accade ormai da molto tempo in tv (specialmente a Mediaset)  con la smania di rincorrere lo scoop a tutti i costi,  si cade nell'errore di voler raccontare un mondo (quello dei cristiani che non sono cattolici) che è tutt'altra cosa da quella che dipingi. E anche, di fare due pesi e due misure per le medesime cose che stai pesando e guardando.

Sappi che, come pastore evangelico battista, pur credendo nei miracoli, anche io non apprezzo particolarmente la “spettacolarizzazione” che alcune denominazioni evangeliche ne fanno … e ad alcune non credo proprio (vedi Benny Hinn, ad esempio). Ma quello che tu hai fatto vedere in TV l'altra sera è quello che il cristianesimo va dicendo da circa duemila anni: “I ciechi recuperano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi vengono purificati, i sordi odono, i morti resuscitano, il vangelo è annunciato hai poveri.” (Giovanni 7:22b).
 
 A meno che tu non abbia altro (e come dite voi a Striscia “se qualcuno deve dire qualcosa, noi siamo qua) quello che fa la persona che hai “colto” mentre prega per la guarigione, e lo fa gratis (nel video che Mediaset ha sapientemente tagliato non si chiedono soldi per le guarigioni, lo sai),  la chiesa cattolica lo fa da più di un millennio, e su essa ha costruito templi su templi, strutture su strutture: Fatima, Lourdes, San Giovanni Rotondo, Medjugorje...

 Se lo scandalo c'è, dunque (ignoro se  tu sia in qualche modo credente), allora l'uomo che prega per strada cercando di guarire il tuo mal di schiena (ah, non credo che i miracoli possano avvenire a comando dinanzi ad una telecamera su qualcuno che non ci crede) è in buona compagnia da qualche millennio. E, per onestà, per fare un unico peso ed un’unica misura, bisognerebbe portare in TV anche chi dice che pregando a una statua si guarisce.

Certo, lo so, è più facile sbattere in prima pagina un anonimo predicatore appartenente a “quella setta PERICOLOSA degli evangelici”, piuttosto che Crescenzio Sepe, Arcivescovo di Napoli, mentre gira le ampolle del sangue di San Gennaro, eh! E, si sa, è molto facile sparare contro quell'esiguo 1% di evangelici in Italia, piuttosto che contro il Vaticano.

Anche questa volta, così come è accaduto in passato con vari servizi delle Iene, la mia lettera a te, Luca, è aperta, perché una minima parte di coloro che hanno visto il tuo servizio possa cercare di “andare oltre”, cercare di capire, riflettere, non ghettizzare...

Continuerò a seguirti Luca, quando indaghi sul malaffare, su chi si approfitta realmente della credulità popolare, su chi vessa il prossimo... ma permettimi di dire che, almeno stavolta, l'obiettivo è completamente sbagliato, se non di parte.

 I miei ossequi.
---

Ovviamente, come accade ogni volta, la nota è stata letta, ma non c'è stata alcuna replica.

Sappiamo che, come veri credenti, saremo messi sotto la lente, e saremo attaccati per ciò che facciamo e diciamo.

Dovremmo fermarci? La risposta sta nelle parole di Paolo:

  "Voi, fratelli, non lasciatevi scoraggiare nel fare il bene." (2 Tessalonicesi 3:13)

giovedì 20 dicembre 2018

Celebrare Natale “nella zona giusta” del mondo

Questa che sto scrivendo dovrebbe, come consuetudine pastorale, essere la mia nota natalizia che ormai pubblico ogni anno in questo periodo che ci avvicina al ricordo di una nascita miracolosa.
 
E' una nota che, normalmente, si concentra sulle cose, “positive” del Natale, sui miei ricordi di bambino, sulla gioia.

Perdonatemi, ma quest'anno sarà un po' differente. Perdonatemi se non porterà gioia, o se la porterà solo in parte.

Quante volte dirai, da qui al 25 Dicembre, la frase “Buon Natale”? Ed in che modo la dirai?

Celebrerai davvero il ricordo sobrio della nascita del Cristo, oppure celebrerai l'opulenza della festa occidentale? Celebrerai colui che è venuto a cambiare la tua vita attraverso l'adozione nella famiglia di Dio, se hai accettato quel dono disceso dall'alto a Natale (poco importa che il 25 dicembre non sia la vera data), oppure celebrerai coloro che trarranno beneficio economico dalla vendita di tutto ciò che compererai per festeggiare “in modo adeguato” la stagione? Lo celebrerai nel santuario del tuo cuore devoto, o nelle “shopping mall” del centro commerciale?

Vorrei che tu riflettessi, ogni volta che dirai “Buon Natale”, che dovresti aggiungere anche “... a te che vivi nella zona giusta del mondo”. Perché? Semplicemente perché, che tu sia credente o meno, nella zona del mondo dove sei nato, dove sei nata,  puoi festeggiarlo senza dover rischiare la tua vita per farlo. Senza farlo di nascosto. Senza temere che la tua casa venga arsa assieme a chi ci vive dentro. Senza essere picchiato. Senza vedere i tuoi figli uccisi.

Festeggia pure, ma ricordati che lo fai perché non sei parte di 215 milioni di persone nel mondo perseguitate a motivo della loro fede in Cristo. Perché nessuno dei tuoi familiari fa parte delle oltre 3.000 persone uccise in un anno pur di non rinnegare la propria fede. Perché la chiesa dove forse entrerai solo a Natale non rischia di essere demolita assieme ad altre 15.000. Tutto questo perché hai avuto la fortuna di nascere “nella zona giusta” per poterti proclamare cristiano.

Magari sei tra quelli che si indigna solo perché una maestra (a torto o a ragione) sostituisce “Gesù” con “laggiù”  in una recita di Natale alle elementari, ma non sai che in Cina in questo momento stanno abbattendo chiesa su chiesa per impedire che le persone lo festeggino, che in Bulgaria  ogni pastore cristiano dovrà ottenere il permesso dallo Stato per celebrarlo, che in Turchia i missionari vengono messi in carcere, che persino Amnesty International ha  derubricato la strage di cristiani in Nigeria come “lotta tribale per la terra”.

O forse lo sai... ma tu sei nato, tu sei nata “nella zona giusta”, e puoi far finta che queste cose non riguardino te.

 Forse molti dei volti che incontrerai durante questo Natale e che noi chiamiamo con il nome collettivo di “migranti” stanno fuggendo proprio perché cercano una “zona giusta del mondo” dove gli sia permesso di celebrarlo.

Se pensi che il Natale sia pace, ricorda che colui che è nato ha detto anche “Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra... I nemici dell'uomo saranno quelli di casa sua!” (Matteo 10:34a, 36). Se pensi che il Natale sia sicurezza, ricorda che colui che celebri ha anche detto: “ S'avvicina il momento in cui quelli che vi uccideranno crederanno di offrire un servizio a Dio.” (Giovanni 16:2)

 In che modo festeggerai Natale, tu che sei nato, tu che sei nata “nella zona giusta del mondo”? Il dono del Natale per te si concretizza anche nella capacità di celebrarlo; festeggialo, ma non solo a Natale. Parlane, ma non solo a Natale. Agisci con misericordia , pace bontà verso tutti... ma non solo a Natale.

 Fai della tua vita un continuo Natale, tu che ha la fortuna di essere nato, di essere nata “nella zona giusta” per essere libero, per essere libera di celebrarlo.

  Marco

venerdì 16 novembre 2018

Quando la TV ti dipinge come una "setta" Lettera aperta alle Iene

Dopo il servizio delle Iene sulla chiesa Parola della Grazia andato in onda qualche giorno fa, che dipinge una realtà delle chiese evangeliche fuorviante,  mi sono permesso di scrivere alla trasmissione: qua sotto trovate il testo della lettera.

---

Lettera aperta alle Iene 

Care Iene,

 avrei voluto inviarvi un video. Uno di quelli ben fatti, con musiche, contributi audio, panoramiche e primi piani... ma io non ho una regia audio/video come nella chiesa che avete visitato a Palermo qualche giorno or sono; ho a malapena una telecamerina comperata al supermercato con la quale ci ostiniamo in chiesa a registrare ogni domenica le predicazioni per metterle in rete e offrirle al nostro audience... che è di una ventina di persone a settimana.

  Ah, scusate, non mi sono presentato: perdonate, non sono pratico del linguaggio giornalistico.  Mi chiamo Marco Delle Monache, ho cinquantasei anni, e da dodici anni sono il pastore di una chiesa evangelica nel nord del Lazio, a Montefiascone. E, se vogliamo, quel titolo di “pastore” con cui gli altri mi chiamano, è pure in un certo senso “abusato”, in quanto non ho un diploma da appendere sul muro, un dottorato in teologia o quant'altro.

  Ciò che so (e che provo di trasmettere) è il frutto di trenta anni di studio personale, di corsi fatti la domenica in questa o quella chiesa “che ne offre uno gratis”, di voli verso la Francia, l'Inghilterra o l'America per partecipare a questa o quella conferenza quando hai risparmiato a sufficienza o “la tale missione ti paga il volo”. 

  La mia non è una chiesa “in rapida espansione”, una di quelle che amate presentare in TV  come esempio della “religione in maggior crescita al mondo” ; esiste da ben dodici anni, e non è mai andata oltre i trenta membri (o, per meglio dire, “seguaci”, come ci chiamate voi). Non abbiamo culti oceanici (attualmente siamo circa tredici), né impianti audio degni del miglior service come a Palermo, ma un palco fatto con sei pallett riciclati, due casse, un mixer sei canali, due microfoni ed una tastiera... e un'unica persona che la sappia (più o meno) suonare.

  Non percepisco stipendio per le circa venticinque ore settimanali che impiego per scrivere i messaggi domenicali, organizzare eventi, gestire le risorse, addestrare gli altri a fare a meno di me quando non ce la farò più... perché venticinque ore a disposizione, dopo che ne hai passato cinquantacinque al tuo lavoro “secolare”, significa rubare quasi tutto lo spazio alla tua famiglia... e prima o poi qualcosa si rompe. A Palermo questo non succede, perché il pastore è a tempo pieno e percepisce (giustamente) una paga per ciò che fa.

  Io non percepisco stipendio, anzi, essendo quello con il reddito più alto in chiesa, sono tra quelli che mette più “decima” (eh, si, quella cosa che vi spaventa tanto e che vi fa gridare al plagio) per pagare le bollette del garage adattato a sala di culto (eh, no, non abbiamo una tensostruttura avveniristica con locali annessi come a Palermo), perché noi non fruiamo di finanziamenti pubblici per dare, ad esempio,  le  “estreme unzioni” in ospedale, né di 8x1000;  non abbiamo banche vaticane e non siamo sostenuti da missioni straniere.

  Sapete perché vi parlo di me? Perché la mia vita è più simile a quella della maggior parte dei pastori sparsi in Italia di quanto la sia quella del pastore della chiesa a Palermo che avete visitato ultimamente. Non facciamo “businness” in chiesa, ma piuttosto ci indebitiamo per farla funzionare.

  Sapete quale è la mia attività, ultimamente? Cercare di trovare lavoro da un immigrato che è stato coinvolto (crediamo a torto) in un processo, è in stato di fermo e non può allontanarsi dalla nostra città, è stato espulso dal centro di accoglienza, è in attesa da due anni dell'udienza del tribunale, e a cui nessuno vuole dare lavoro. E i membri di chiesa lo invitano a turno nella propria casa per dargli un pasto caldo, e un po' di umano affetto.

  Certo, lo “scoop” della grande chiesa da duemila partecipanti che “palgia” il giovane omosessuale fa più share... ma, perdonatemi, non rappresenta punto la verità VERA delle nostre chiese.

  Sapete come sono il 95% delle chiese evangeliche in Italia? Piccole entità fatte di persone appartenenti spessissimo al ceto medio-basso o all'immigrazione, che talvolta danno ben oltre la decima parte del loro reddito per riuscire a “fare” quelo che fanno, spesso nel disprezzo generale e sempre  tra le barriere di uno Stato dove vige ancora una legge fascista del 1930 che stabilisce i “culti ammessi”, che ci definisce “culti acattolici”, galassia, con alfa privativa che sta ad indicare che sei “senza la chiesa cattolica” e, pertanto, differente, strano, pericoloso, da tenere d'occhio.

  E dire che mi piacete, voi Iene! Mi siete da sempre piaciuti, quando andate a ripianare i soprusi, a denunciare storture, a smascherare i pedofili (talvolta in tonaca e pastorale). Ma poi, alla ricerca del punto di share, raccontate una realtà (quella delle chiese evangeliche) che è un film che solo voi vedete.

  Sapete, care Iene, cosa mi sarebbe piaciuto da voi? Che oltre a fare un servizio dove dipingete tutti noi come manipolo di “adepti” (… parole vostre...  si parla così di una setta, vero?), con tanto di musica horror di sottofondo alla Pshyco (invece del vostro solito irriverente, allegro stacchetto), aveste la voglia di cercare di capire cosa fa quell'esiguo 1% della popolazione italiana che frequenta una chiesa evangelica (ma và? Forse vi aspettavate che fossimo di più, vero? L'Islam è il 3%, gli ortodossi il 2,8%...)

  Mi sarebbe piaciuto (e un po' ci rimango male, perché, in fondo vi stimo) che foste andati a vedere la verità VERA delle nostre chiese, fatte da una trentina di persone se va bene, a rischio costante di sfratto perché edifici di culto autorizzati per noi non ce ne sono (anche se la legge lo imporrebbe), messe spesso all'indice da autorità e curie locali,  trattate come “stravaganti” se non come “sette”, ma che nonostante tutto continuano finché ce la fanno per poter dare agli altri una prospettiva del cristianesimo che vada oltre il colonnato del Bernini, la papamobile, lo IOR... o gli scandali della pedofilia.

  Che sovente si sobbarcano in silenzio il compito dell'integrazione dei migranti a proprie spese, dove con i minuscoli mezzi a disposizione si organizzano sostegni scolastici per i bambini scolastici, banchi alimentari per i poveri, aiuti ai terremotati, corsi di lingua per migranti e quant'altro occorra a rendere la chiesa un luogo di accoglienza piuttosto che di mera aggregazione.

  Ma certo, comprendo, le persone farebbero lo “zapping” su un servizio del genere... e si sa, lo share e la fidelizzazione determina il costo degli spot...

  Vedete, care Iene, questa lettera che vi invio è “aperta” per un semplice motivo: affinché “altri” oltre voi possano leggerla e, magari, arrivare a un 0,1% di quelli che hanno visto il vostro servizio, e stimolare in loro la voglia di capire un po' meglio chi siamo. 

  Capire, ad esempio, che non esiste UNA chiesa evangelica, modello mutuato dalla chiesa cattolica, ma una galassia di denominazioni ognuna distinta dall'altra per modi di agire, di predicare, di parlare agli altri, e che dire “gli evangelici sono così” visitandone una è come voler stabilire che tutti i pastori hanno gli occhi azzurri perché quello della chiesa dove andate li ha.

 Capire che l’unico modo di fare quello che facciamo è attraverso lo sforzo comune di chi frequenta la chiesa (che, tra l’altro, è il metodo che utilizzano le chiese dove vanno, ad esempio, anche Bill Clinton o George W. Bush... sono “sette” anche quelle?).

  Avere la voglia di non giudicarci se non dopo aver visto chi siamo e cosa facciamo, di non chiamarci setta perché siamo “acattolici”, di non pensare che vogliamo plagiare alcuno; non tanto perché ci sentiamo offesi, ma per poter continuare a fare ciò che facciamo a favore dei minimi di questa società. 

  E tutte le volte che voi (o altri) fanno un servizio dove si mettono in un unico calderone tutti gli evangelici, dove il sottofondo (non detto, ma implicito) è “non fidatevi, questi sono strani e pericolosi”  succede che il giorno dopo avremo un po' più difficoltà ad ottenere il permesso per entrare nelle carceri, per distribuire pasti ai senzatetto, per accogliere il migrante abbandonato dallo Stato, per organizzare il doposcuola in un quartiere degradato. E chi ne pagherà le spese saranno le persone che non potremo più aiutare.

  Ma io sono un semplice “pastore”, e pure senza diploma... Cosa posso io contro le Iene? Il mio “share”? Una ventina di amici.

  Ricevete i miei saluti.

Marco Delle Monache
pastore (abusivo) 
Chiesa Cristiana Evangelica della Vera Vite
Montefiascone (VT)

---

PS per sgomberare qualsiasi equivoco: la mia nota non deve in nessun modo essere letta come una critica alla chiesa palermitana mostrata nel servizio delle Iene, alla sua organizzazione, dimensione o alle sue scelte di come proclamare il Vangelo, per la quale nutro il più alto rispetto. L'intento è esclusivamente rivolto a mettere in luce la superficialità con la quale un certo tipo di TV racconta la variegata realtà delle chiese evangeliche in Italia.
-- Visite sul sito dal 01.11.2008 --- Leggi le informazioni sull'uso dei cookies